About

Rassegna Stampa

In fuga

L'ISOLA DEI SOGNI ESISTE. SI CHIAMA CULUCCIA, È UN ANGOLO WILD NELLA SARDEGNA GLAM E C'È CHI, PER PROTEGGERLA, HA DETTO "NO" PER 73 ANNI...

«E pensa, Ziu Agnuleddu disse "no, non la vendo" persino quando l'Aga Khan gli consegnò un libretto d'assegni in bianco. Avrebbe potuto scrivere qualunque cifra su ognuno di quei foglietti, invece restò fedele a Culuccia». Inizia così, con un racconto tanto surreale quanto vero, la mia storia d'amore con questa mini-isola di circa 300 ettari nel cuore della Gallura, collegata alla Sardegna da un piccolissimo istmo.

Il narratore è il geniale, visionario e poliedrico Marco Boglione, imprenditore, fondatore e presidente di BasicNet, azienda che ha, tra gli altri, marchi come K-Way, Superga, Kappa e Sebago. Lui e la moglie Stella Lin Hung sono gli attuali proprietari dell'Isola di Culuccia. Ziu Agnuleddu, invece, si chiamava Angelo Sanna ed è colui che dal 1923 al 1996, anno della sua morte, ha protetto l'isola dal turismo di massa stabilendosi qui, quasi come un eremita. E trasformandola, di fatto, in un diamante grezzo d'inestimabile bellezza. Ma andiamo con ordine.

Come tutti i grandi amori, anche questo inizia con un effetto sorpresa. Perché Culuccia si trova sì in una delle zone più "addomesticate" della Sardegna, a due passi dalla Costa Smeraldo e dal suo scintillio. Eppure appena metti piede (o ruote, nel mio caso) qui, l'aria che respiri è completamente differente. Ci troviamo in una riserva naturale incontaminata, dove una macchia mediterranea rigogliosa e selvaggia si alterna a orti biodinamici e campi di erbe aromatiche, tra i profumi del corbezzolo, delle ginestre e dei fiori selvatici dai quali le api producono un miele unico nel suo genere. E poi le vigne da vermentino DOCG di Gallura, quelle autoctone, che qui si trovano a 6 metri (6 esatti) dal mare e non vengono irrigate, se non dalla pioggia. Vino, dunque, ma anche gin di botaniche locali, olio, mirto, allevamenti bovini e ostriche: l'Azienda Agricola Culuccia ha più di un fiore all'occhiello. Ma cosa si fa sull'isola, a parte godere dei suoi frutti, del mare e dei profumi? Alla base del progetto c'è l'idea di un turismo ecosostenibile, giovane, sportivo e a impatto zero, anche grazie alla partnership con Yamaha, che qui ha creato una vera e propria "isola di brand", valorizzando molte delle sue anime.

La rete di 15 chilometri di strade bianche che tagliano l'isola, infatti, è percorribile a piedi e a cavallo, ma anche con le e-MTB motorizzate Yamaha, gli ATV e i Side-by-Side della casa del diapason (io, invece, ho raggiunto Culuccia in sella al nuovo Ténéré 700). Senza dimenticare la nautica: scoprire le coste dell'isola via mare con la moto d'acqua è un'experience adrenalinica. A farla vivere agli ospiti è Simone Zignoli, officia) Adventure Ambassador Yamaha, che qui quest'anno ha stabilito il proprio "magic piace to be". L'accoglienza? Green e avventurosa come il carattere del posto impone.

Puoi dormire in una delle minihouse di design perfettamente mimetizzate nell'ambiente con vista sull'Isola di Spargi. Oppure provare un'autentica immersione nella natura alloggiando, maestrale permettendo, nel campo tendato in riva al mare. Insomma, da queste parti nulla è come potresti immaginare, un po' come se ogni emozione avesse il segno +. Ti avviso: lasciarci il cuore è un rischio da mettere in conto. Ed è molto più facile di quanto pensi.

Aperture, Fielmann sbarca a Torino: in centro il nuovo store da 110 mq

L'azienda tedesca, leader del settore ottico, arriva anche nel capoluogo piemontese

Giovedì 29 luglio in via Garibaldi 20 a Torino apre Fielmann, il nuovo store dell'azienda e catena tedesca leader del settore ottico. Il punto vendita, dove si potranno acquistare occhiali di design a prezzi contenuti - 110mq di superficie con più di 400 modelli di montature e grandi marchi internazionali - , è il 36esimo in Italia, il quinto in Piemonte. L'azienda, che vende un occhiale su due in Germania, è presente in 16 paesi d'Europa con oltre 850 punti vendita e più di 22.000 collaboratori.

"Oggi Torino ci offre un ottimo potenziale per la nostra espansione - spiega Ivo Andreatta, Country manager Fielmann Italia -, è sempre stata uno dei nostri obiettivi strategici fin dal 2015, quando siamo arrivati in Italia. Fielmann è una grande realtà ma, come azienda di famiglia, il nostro obiettivo è diventare parte integrante delle città in cui apriamo. L’attenzione al cliente e il valore delle persone sono da sempre centrali in ogni decisione. Questo concetto si traduce in una vera e propria filosofia a sostegno del territorio e nella costante volontà di investire in progetti locali e nazionali, a supporto e beneficio del tessuto sociale e della collettività".

La collaborazione con le realtà locali
Per questo motivo, l’inaugurazione renderà omaggio a tre realtà locali di grande eccellenza, scelte da Fielmann per avvicinarsi alle famiglie torinesi e alle loro tradizioni. Per rinfrescare la giornata dei passanti, Fielmann distribuirà il gelato Pinguino, grazie ad una collaborazione con la storica Gelateria Pepino, presente nelle vicinanze del nuovo store con un carretto gelati personalizzato. Per l’occasione Fielmann collaborerà, inoltre, con Pastiglie Leone, simbolo della tradizione dolciaria torinese, creando una nuova lattina illustrata in edizione limitata. La terza collaborazione vede Robe di Kappa del Gruppo BasicNet, come fornitore dell’abbigliamento dei collaboratori Fielmann.

Nei giorni antecedenti all’apertura le vetrine del nuovo store saranno colorate con le illustrazioni di Jacopo Rosati, artista di base a Torino. I disegni di Rosati sono stati pensati per intrattenere i passanti, specialmente i più piccoli, che potranno giocare specchiandosi nelle nuove vetrine, e taggare su Instagram le loro foto più creative con @fielmann.it. Questo pensiero evidenzia ancora una volta il commitment di Fielmann nel pensare per generazioni, offrire servizi per tutta la famiglia e collezioni che accompagnino per tutta la vita.

Deportivo e Kappa presentano la prima maglia Kombat 2022 con un video via social

Deportivo e Kappa® presentano la prima maglia Kombat 2022 con un video via social

Lunedì 26 luglio il club di calcio Real Club Deportivo de La Coruña – meglio nota come RC Deportivo, o semplicemente Deportivo – ha presentato con un video via social la prima maglia Kappa® Kombat per la stagione sportiva 2021-2022 (clicca qui). Come da tradizione del club, la nuova maglia per le partite in casa è a righe verticali bianche e azzurre con il logo Kappa® dorato sul lato destro del petto. Kappa®, che aveva annunciato la nuova partnership tecnica col Deportivo lo scorso 7 luglio, non solo vestirà tutte le squadre del club della città galiziana, ma gestirà direttamente i suoi store fisici e online. L’accordo è valido per le prossime 5 stagioni sportive, fino al 2025-2026.

Kappa è partner al Rolling Loud di Miami, il più grande festival hip-hop al mondo

Kappa® è partner al Rolling Loud di Miami, il più grande festival hip-hop al mondo

Kappa Usa è partner di Rolling Loud, il più grande festival hip-hop al mondo, nato nel 2014. L’evento, che si tiene in tre tappe, è iniziato venerdì 23 luglio a Miami, Florida, dove il primo appuntamento si è concluso domenica 25. Oltre a personalizzare una Vip Lounge, totalmente brandizzata con il logo degli Omini, Kappa USA ha creato tre capsule collection differenti: una per ogni tappa del festival, che saranno vendute direttamente da Rolling Loud. Il secondo appuntamento con Kappa® e Rolling Loud è a New York i prossimi 28-30 ottobre. La tappa finale si terrà a Los Angeles dal 10 al 12 dicembre.